Sentenze di Cassazione


Legge 104: la richiesta di trasferimento

La Legge 104/92 permette ai lavoratori subordinati, che assistono un parente o un affine entro il terzo grado, di richiedere al proprio datore di lavoro il trasferimento in una sede limitrofa alla propria abitazione per poter fornire al meglio le cure di cui la persona assistita ha bisogno. Per poter procedere a tale richiesta, però il lavoratore ha l’obbligo di dimostrare al datore... [...]

Condannato il genitore che non mantiene il figlio

La vicenda vede protagonista un padre, condannato per non aver corrisposto l’assegno mensile di mantenimento alla figlia minore a partire dal 2011. L’uomo è ricorso in Cassazione lamentando in particolare la sussistenza dell’elemento soggettivo del reato e si è difeso dimostrando che a causa di una consistente decrescita lavorativa è stato costretto a ridurre... [...]

La moglie che si licenzia non va mantenuta

La Corte di Cassazione con sentenza 26594/19 afferma che non è previsto assegno divorzile per l’ex coniuge, ancora giovane, che arbitrariamente decide di licenziarsi dal proprio posto di lavoro, facendo così a meno di un reddito fisso. Inoltre precisa che la funzione riequilibratrice dell'assegno divorzile non si traduce nel dover ripristinare il tenore di vita goduto durante... [...]

Casa coniugale assegnata per intero anche se divisa in due interni

Il genitore a cui viene affidata la custodia prevalente dei figli è l’assegnatario della casa coniugale per intero, anche se viene divisa in due appartamenti distinti da una scala interna. Nonostante il collegamento, le due unità immobiliari sono da considerarsi come un’unica unità abitativa pertanto vanno assegnate insieme proprio per preservare l’habitat domestico... [...]

Divorzio: Berlusconi vince in Cassazione

La sentenza n. 21926/19 della Corte di Cassazione mette fine al confronto giudiziario tra Silvio Berlusconi e l’ex moglie Veronica Lario, avvenuto in seguito alla fine del loro matrimonio. I giudici hanno confermato quanto precedentemente stabilito dalla Corte d’Appello di Milano. LA VICENDA Dopo lo scioglimento del matrimonio, il Tribunale di Monza aveva riconosciuto alla Lario... [...]

Assegno di mantenimento: il divario economico tra coniugi non basta

Una donna di 35 anni, argentina e disoccupata, si è vista negare dal Tribunale di Treviso l’assegno di mantenimento da parte dall’ex marito. In particolare, i giudici hanno motivato la loro decisione affermando che il solo divario economico tra ex coniugi non possa rappresentare la ragione unica e fondante per il riconoscimento dell’assegno divorzile . LA VICENDA: a ricorrere... [...]

Impedisce al figlio di vedere il padre: scatta il risarcimento

Il genitore che impedisce all’altro di trascorrere del tempo con il figlio infrangendo quindi gli accordi, rischia di incorrere nella condanna a risarcire il figlio per aver leso il suo diritto alla presenza di entrambi i genitori nella sua vita. Nella fattispecie il giudice ha facoltà di rifarsi all’ articolo 709 ter c.p.c. ed applicare le misure previste nei confronti del... [...]

Accedere al profilo social del partner è reato

Si configura il reato di accesso abusivo a sistema informatico per chiunque acceda all’account altrui e vi rimanga senza aver ricevuto espressamente il consenso del titolare. La legge considera reato anche il comportamento di chi, pur ricevendo le credenziali come username e password dal titolare per uno scopo legittimo, si trattenga all’interno dell’account per scopi diversi da... [...]

Categorie