Mediazione Familiare

Mediazione Familiare

La mediazione familiare è un processo collaborativo di risoluzione del conflitto, protagonisti di tale processo sono le coppie il cui rapporto è finito o sta finendo e il cosiddetto Mediatore, ovvero un soggetto terzo e imparziale che ha il compito di comunicare con entrambi al fine di trovare, di comune accordo, una soluzione ai problemi in questione.

Questo servizio è rivolto principalmente alle coppie che sono in fase di separazione o divorzio. L’obiettivo della mediazione familiare è quello di raggiungere la condizione di co-genitorialità (o bi-genitorialità), per salvaguardare la responsabilità di ciascun genitore verso i propri figli, soprattutto se minori.

Nella mediazione, le parti tutelano i propri interessi non soltanto in merito alla gestione e alle responsabilità riguardanti i figli ma anche per ciò che concerne finanze e proprietà immobiliari.

Il mediatore è quindi una persona specializzata nel fornire supporto e appoggio in circostanze simili. Spegnere i conflitti e favorire la comunicazione e la cooperazione all’interno del clima familiare sono i compiti principali di un mediatore familiare.

L'importanza di un mediatore familiare

È una procedura che abbraccia più discipline: psicologia, sociologia e giurisprudenza. È importante prevedere un aiuto per gestire al meglio situazioni di questo genere ed evitare di complicarle ulteriormente.

La mediazione, che ricordiamo essere complementare alla consulenza legale a al negoziato da parte degli avvocati e non sostitutiva, si completa con la stesura di un accordo scritto tra le parti, che fungerà da guida, l’accordo scritto sarà valutato dal proprio avvocato ed eventualmente inserito nelle pratiche della separazione.

Tutto questo in vista della serenità dei figli, ma anche dei genitori.